LE PRO LOCO ALL’INCONTRO SUL SERVIZIO CIVILE CON IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO GENTILONI


Comunicato stampa

Le Pro Loco all’incontro sul Servizio Civile con il Presidente del Consiglio Gentiloni

 

Il Servizio civile “è un modo concreto per difendere la nostra Patria”. A dirlo il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, che ieri a Roma all’Auditorium Parco della Musica ha chiuso l’incontro con i protagonisti del Servizio civile universale. “Dovremmo impegnarci, e lo stiamo facendo, per rendere stabile l’impegno per il servizio civile che ha raggiunto quest’anno i 50 mila volontari, un record di cui andare fieri”. L’impegno del governo ha continuato Gentiloni “è lavorare per rendere il servizio civile più flessibile e collegato a mondo lavoro”.

A seguire sono intervenuti il sottosegretario di Stato Luigi Bobba e il Ministro delle Politiche sociali e del lavoro Giuliano Poletti che ha sottolineato “meritevole il lavoro che gli enti svolgono con in progetti di varia natura: assistenza, protezione civile, tutela dell’ambiente e dei beni culturali, educazione alla cittadinanza, cooperazione internazionale e pace nel mondo, offrendo a tanti giovani l’opportunità di vivere un’esperienza altamente qualificante ed utile nel loro percorso di vita”.

All’incontro con tutti i volontari e dirigenti degli enti di servizio civile impegnati in Italia, ha partecipato anche una delegazione delle Pro Loco guidata dal Presidente Unpli (Unione Nazionale Pro Loco d’Italia) Antonino La Spina e dalla Responsabile Nazionale Bernardina Tavella.

In rappresentanza della Basilicata sono intervenuti la volontaria della Pro Loco Barile Anita Belluscio, il Collaboratore regionale SC Unpli, Vito Sabia e Rocco Franciosa, Presidente Unpli Basilicata.

“E’ stata una giornata molto interessante – ha sottolineato la volontaria della Pro Loco Barile Anita Belluscio – è stato bello incontrare i giovani provenienti da tutta Italia che come me vivono l’esperienza del servizio civile ed una buona occasione per poterci confrontare con le istituzioni. Ringrazio l’Unpli per averci dato questa opportunità che va ad aggiungersi a quella più importante – ha concluso Belluscio – che è quella di poter svolgere nel mio paese un anno di servizio civile impegnandomi nella salvaguardia e promozione del patrimonio culturale materiale ed immateriale”.

“L’Unpli – ha rimarcato Rocco Franciosa, presidente Unpli Basilicata – da quindici anni partecipa a progetti di servizio civile offrendo a tanti giovani la possibilità di vivere un’esperienza formativa nelle sedi Pro Loco accreditate che aderiscono ai progetti”.

Attualmente Unpli Basilicata sta concludendo il progetto “Basilicata: una bella scoperta”, che coinvolge 32 giovani delle Pro Loco di Acerenza, Armento, Avigliano, Barile, Calciano, Cirigliano, Filiano, Gallicchio, Maratea, Metaponto, Montalbano, Montescaglioso, Oliveto, Pignola, Pietrapertosa, Ripacandida, San Severino, Salandra, Spinoso, Stigliano, Valsinni e Viggiano, mentre tra fine novembre e metà dicembre partiranno altri due progetti con 52 volontari in 24 sedi Pro Loco nel settore del patrimonio storico culturale dal titolo “Basilicata terra ribelle – il brigantaggio lucano” e “Dalle Dolomiti lucane ai Calanchi – Ambiente e Cultura di Lucania”.

Vito Sabia, Anita Belluscio e Rocco Franciosa

 

 

Condividi