Avviso Servizio Civile – Richiesta CUD Volontari


La presente per invitarvi a dare la massima diffusione ai volontari che stanno prestando servizio nelle nostre sedi di attuazione, oltre che ai volontari che hanno svolto il servizio negli anni precedenti e che dovessero richiedere copia del CUD, della Comunicazione del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale (Presidenza Consiglio dei Ministri) relativa ala Certificazione Unica 2018, anno di imposta 2017.

E’ importante far comprendere ai giovani volontari che l’acquisizione della CU costituisce un diritto/dovere di ciascun contribuente, per i successivi usi previsti dalla legge (ISEE accesso ad eventuali prestazioni gratuite e quant’altro).

Comunicazione – Certificazione Unica 2018

“A partire dal 16 marzo p.v. i volontari in Servizio civile nazionale sia in Italia che all’Estero avranno la possibilità di acquisire autonomamente la “Certificazione Unica 2018” relativa agli assegni di servizio civile che questo Dipartimento (ex Ufficio Nazionale per il Servizio Civile) ha corrisposto loro nell’anno d’imposta 2017, secondo i modelli approvati dall’Agenzia delle Entrate.

Per i giovani avviati al servizio dopo l’entrata  in vigore del decreto legislativo n. 40 del 2017 gli assegni di servizio civile non sono più inquadrati tra i compensi assimilati a lavoro dipendente , bensì tra i cosiddetti “redditi diversi”.

Per ottenere il certificato occorre accedere alla Sezione volontari, Area riservata volontari, ed inserire utenza e password, che sono state consegnate a ciascun operatore volontario di servizio civile, dall’Ente d’impiego, all’atto della presa di servizio.

Per ragioni tecniche, il certificato in questione potrà essere scaricato dal database entro e non oltre il 28 febbraio 2019.”

Tecnicamente i volontari devono seguire la seguente procedura informatica mediante la quale i volontari potranno produrlo autonomamente :

Collegarsi al sito internet dell’Ufficio all’indirizzo www.serviziocivile.gov.it → sezione volontari → area riservata ai volontari, avendo cura di inserire utenza e password.

Per ragioni connesse all’adempimento di operazioni tecniche, l’attestato potrà essere “scaricato” tre mesi dopo il termine del servizio e, comunque, non oltre i ventiquattro mesi successivi.

 

Condividi